IlMioMarketing [punto] com, la nuova casa

Dopo anni, alcuni, forse neppure pochi, di onorato servizio davidevalpreda.wordpress.com cambia casa.

Dall’affitto si passa alla casa di proprietà. Di questi tempi non è poco 😉

Da qualche giorno le varie riflessioni (ogni tanto, un termine forte ci vuole)

passano qui

Sempre (ovviamente) su piattaforma WordPress e, tanto per razzolare bene viste le prediche, su un layout responsive.

Ci vediamo nella nuova abitazione. Fino al prossimo trasloco …

Annunci

Utilizzo di twitter: altro esempio

Giorni fa scrissi questo post sull’utilizzo di twitter.

Quel post era una case history che in parte poteva servire nel rispondere alla sempre più ricorrente domanda “come potrei usarlo”.

Un’altra domanda altrettanto ricorrente (vale anche per altri social) è quella “twitter SERVE anche per vendere ?”

A parte che a simili domande verrebbe da rispondere dipende … per fortuna posso utilizzare ancora un caso reale per cercare di dare indicazioni di massima quindi una possibile risposta.

Pochi giorni orsono sul blog di diqua&dilà è stato pubblicato questo post.

Come avrete letto una semplice richiesta ‘lanciata su twitter’ con un’esigenza primaria da soddisfare (accettazione di cane al seguito).

Anche in questo caso non è difficile da capire ‘la morale’.

Alcune considerazioni a margine:

  • una struttura incoerente viene ‘tagliata fuori’ (probabilmente per sempre, uguale clienti persi)
  • un account twitter @tartufoevino (la cui descrizione recita: L’ospitalità di Langhe, Monferrato e Roero raccontata da chi le strutture le conosce ad una ad una!) in ascolto (presidio del canale)
  • una risposta esaustiva (e mirata)
  • il post che riporta dettagli sulla struttura (compatibile 4 zampe) di nome La Ca D’Olga (per i non piemontesi La Casa di Olga) con i link al sito (pubblicità gratuita)
  • alcune foto molto belle (che solo a vederle ti viene voglia di partire …) a complemento del post
  • a seguire nei giorni successivi altri tweet e immagini del soggiorno (e forse un successivo post sul blog) come questi:

Tartufo&Vino

Non è difficile intuire la risposta che questa riflessione porta con sè alla domanda un pò così di pocanzi vero?

Una nota negativa ? Beh, il sito della struttura 😦 … ma questa è altra storia (di cui si potrebbe scrivere per anni e anni senza che ahimè nulla cambi).

Pinterest nuove opportunità

Indubbiamente uno strumento social interessante, sin dalla nascita.

Da quasi un anno lo utilizzo come supporto media di Italy Different dove le varie boards mi aiutano a raccontare i vari territori.

E’ innegabile che la nuova opportunità di evidenziare un prezzo lo avvicini all’e-commerce in modo ancor più marcato di come si paventava agli esordi.

Questo un esempio:

Italy Different: il progetto

Il 28 gennaio scrivevo: “Se tutto va come dovrebbe … fra qualche mese il titolo del post si trasforma in un progetto di Incoming.”

Qui il post completo

Il va come dovrebbe è … andato. Si parte. Il primo racconto di viaggi attraverso un Italia differente, non omologata, per capirci diversa da quella che trovi ovunque anche al supermercato (si quella Italia la vendono anche lì …), verrà presentato, e ovviamente raccontato, ad Alba il 9 marzo.

In un social team di travel blogger. Quelli che qui si dice non esistano.

Io li ho trovati. Esistono. Poi in altri post mi toglierò qualche sassolino. Promesso. Ma dopo l’incontro. Così ‘raccolgo’ altro materiale oltre a quello in mio possesso.

Il racconto parte da Alba o meglio si snoderà attraverso le Langhe e il Roero.

Partiamo da qui grazie a Mauro, che è il direttore dell’ATL Langhe e Roero, e ai suoi collaboratori (in particolare Daniela, colei che risponde alle mail in tempo reale, sempre. Cosa non da poco oggi …).

Sono stati i primi interpellati per il progetto Italy Different. Visto la loro risposta (praticamente un si, diretto, schietto, dopo una decina di minuti di presentazione del progetto) era il minimo dare il via, da questo splendido territorio di luci, profumi, sapori (*), a percorsi di viaggio che vogliono raccontare quanto di più vero e particolare esiste nel nostro paese.

Un esempio ? Valentina Besana, blogger, che parteciperà al social team scrive questo.

Lo riporta anche su twitter (hastang ufficiale in tutta italia sarà #italydifferent):

Una merenda sinoria … ecco cos’è, anche, #italydifferent

Nei prossimi giorni si capirà perchè è importante che sia un blogger che lo racconti … (a buon intenditor …)

Alla prossima puntata, fra pochi giorni.

Italia.it se non uguale simile

Nel 2009 scrissi questo. Poi nel 2010 questo (nel frattempo si sarebbero potuti scrivere romanzi ma occorreva essere di stomaco forte …). Oggi, 14 febbraio 2012 la situazione non è cambiata, anzi. Non metto il link a italia.it per non creare scompensi umorali a nessuno.

Sempre oggi facendo scouting in rete su portali di comunicazione spagnoli (per lavoro) ho trovato questo Basque Country.

Non nego invidia, tanta. Altrettanto non nego un moto di felicità, per loro e per il loro territorio. Immagino un giorno quando anche noi, magari uguale no ma simile si, potremo vantare di questa comunicazione. Un giorno.

TBE 2012 e i blogger

L’11 febbraio a Roma l’evento Travel Blogger Elevator dedicato a blogger che raccontano viaggi. Non potevo esserci. Mi sarebbe piaciuto incontrare questa realtà in classico stile 1.0, cioè de visu. Ammesso fosse possibile (non sono un blogger…). Ho rimediato seguendo  l’evento su twitter stavolta in stile 2.0

Ho letto diversi post, alcuni polemici come questo sui non esistenza dei blogger nè tantomeno dei travel blogger … ho letto la risposta di Giuseppe (like), ho curiosato sui vari link di twitter … tutto molto interessante.

Premetto che a differenza di altri non ho verità scritte, non sono così avanti nel prevedere il futuro, mi limito semplicemente a osservare il fenomeno vivendo il presente.

Certo che se l’alternativa, oggi, nel racconto dei viaggi sono i giornalisti di settore (?) o i viaggiatori che, come si auspica, ci racconteranno le loro esperienze (magari tramite le recensioni di quel portale famoso, il luogo dove tutto e tutti sono fantasticamente veri e veritieri … mi sembra sia Tripadvisor, credo … ) beh penso che per ora, facendo magari una scelta oculata, mi terrò i blogger. Magari anche i travel per non fare torto a nessuno.