Roma – incontro con Agenzie di Viaggio e Tour Operator

L’ultimo tour dell’anno, per la prima volta, nella Capitale.

Nuovamente ‘in pista’ per il classico incontro con Agenzie di Viaggio e Tour Operator questa volta a Roma il 12 dicembre a partire dalle 09:30

Replichiamo il format degli ultimi incontri quindi parleremo di:

– Regime 74/ter: problematiche fatturazioni e viaggi nella UE

– Vendita di servizi singoli, crociere e soggiorni all’estero

Intrastat : modelli, scadenze, periodicità e casistiche

Blacklist : modello, scadenze, periodicità, casistiche e compilazione

Spesometro : obblighi e casistiche novità 2012

Limite denaro contante: obblighi, casistiche, nuove disposizioni e rateizzazioni

– Cenni su: Privacy e DPS, Studi di settore, Elenco Beni ai Soci (problema Autovetture)

– Cenni sulla nuova aliquota IVA del 2013

Inoltre ci ritaglieremo uno spazio per confrontarci su quello che spesso molti chiamano innovazione riferendosi al web e dintorni.

Affronteremo quindi concretamente aspetti legati al web, al Social Networking e alle opportunità di promozione e vendita che molto spesso, se affrontate male, creano più danni che benefici.

Semplicemente valuteremo insieme che cosa serve o potrebbe servire, se serve e chi dovrebbe gestire queste attività.

Presenteremo alcune ‘applicazioni’ a bassissimo costo che in realtà come le ADV se utilizzate potrebbero fornire un aiuto molto concreto alle attività quotidiane.

Il programma in dettaglio e il form della registrazione lo trovate QUI

Dalmine (Bergamo) – incontro con Agenzie di Viaggio e Tour Operator

Dopo l’ottimo riscontro di Genova l’8 novembre siamo nuovamente ‘in pista’ per il classico incontro con Agenzie di Viaggio e Tour Operator questa volta a Dalmine (Bergamo) il 22 novembre a partire dalle 09:15

Replichiamo il format di Genova quindi parleremo di:

– Regime 74/ter: problematiche fatturazioni e viaggi nella UE

– Vendita di servizi singoli, crociere e soggiorni all’estero

Intrastat : modelli, scadenze, periodicità e casistiche

Blacklist : modello, scadenze, periodicità, casistiche e compilazione

Spesometro : obblighi e casistiche novità 2012

Limite denaro contante: obblighi, casistiche, nuove disposizioni e rateizzazioni

– Cenni su: Privacy e DPS, Studi di settore, Elenco Beni ai Soci (problema Autovetture)

– Cenni sulla nuova aliquota IVA del 2013

Inoltre ci ritaglieremo uno spazio per confrontarci su quello che spesso molti chiamano innovazione riferendosi al web e dintorni.

Affronteremo quindi concretamente aspetti legati al web, al Social Networking e alle opportunità di promozione e vendita che molto spesso, se affrontate male, creano più danni che benefici.

Semplicemente valuteremo insieme che cosa serve o potrebbe servire, se serve e chi dovrebbe gestire queste attività.

Presenteremo alcune ‘applicazioni’ a bassissimo costo che in realtà come le ADV se utilizzate potrebbero fornire un aiuto molto concreto alle attività quotidiane.

Il programma in dettaglio e il form della registrazione lo trovate QUI

Genova – incontro con Agenzie di Viaggio e Tour Operator

Eccoci nuovamente ‘in pista’ per il classico incontro con Agenzie di Viaggio e Tour Operator.

A Genova l’8 novembre, dalle ore 09:15, parleremo di:

 

– Regime 74/ter: problematiche fatturazioni e viaggi nella UE

– Vendita di servizi singoli, crociere e soggiorni all’estero

Intrastat : modelli, scadenze, periodicità e casistiche

Blacklist : modello, scadenze, periodicità, casistiche e compilazione

Spesometro : obblighi e casistiche novità 2012

Limite denaro contante: obblighi, casistiche, nuove disposizioni e rateizzazioni

– Cenni su: Privacy e DPS, Studi di settore, Elenco Beni ai Soci (problema Autovetture)

– Cenni sulla nuova aliquota IVA del 2013

Inoltre ci ritaglieremo uno spazio per confrontarci su quello che spesso molti chiamano innovazione riferendosi al web e dintorni.

Affronteremo quindi concretamente aspetti legati al web, al Social Networking e alle opportunità di promozione e vendita che molto spesso, se affrontate male, creano più danni che benefici.

Semplicemente valuteremo insieme che cosa serve o potrebbe servire, se serve e chi dovrebbe gestire queste attività.

Presenteremo alcune ‘applicazioni’ a bassissimo costo che in realtà come le ADV se utilizzate potrebbero fornire un aiuto molto concreto alle attività quotidiane.

Il programma in dettaglio e il form della registrazione lo trovate QUI

 

Meditate

Oggi un gruppo di ADV (agenti di viaggio) su FB (Facebook) discutono delle ‘loro’ vacanze, quando farle, se farle, quanti giorni ecc

Poi un agente (donna) rispondendo ad un altro agente (donna) sul fatto che quest’ultima non può chiudere, per motivi personali, dice:

” … Pienamente d’accordo con … E’ stato il mio stesso ragionamento … L’unica cosa che temo è che qualche cliente possa avere problemi e io sono all’estero ! “.

Alchè un altro agente (donna) scrive alcuni post dopo:

” … lo scorso anno sono stata in grecia ed ogni gg guardavo 3 volte la mail mattino pome e sera e se c’era qualche cambio avviso il cliente via cell o via sms .. è tutto è filato liscio .. i clienti che devono partire se io chiudo non si preoccupano xke sanno che non sono abbandonati!”.

Mentre un agente (uomo) alcuni post (prima o dopo, poco importa) scrive:

“io parto col portatile SEMPRE”.

Mi è quindi sorta una riflessione. Semplice.

Immagino un cliente che prenota in rete dove tutto è semplice e si risparmia. Poi c’è un problema. Può capitare vero ?

Quindi vorrei (io cliente) chiamare l’OLTA (si chiamano così quei ‘posti online’ dove costa tutto poco ed è semplice semplice fare la prenotazione) oppure chiamare ‘quell’agenzia sul web’ dove ho prenotato.

Ma … stranamente ho difficoltà a trovare una mail, come recapiti telefonici trovo i numeri delle ‘zoccole’ o dei maghi (899 et simili tanto per capirci) che costano un pò meno di un euro (ma al minuto) dove, anche qui stranamente, resti appeso in linea minuti, minuti, …  mentre se scrivi (perchè hai trovato una mail, quindi sei fortunato), hai si una risposta ma da un risponditore automatico …

Ecco questo mi fa riflettere su quanto, ogni giorno, si legge sul turismo in rete. Come sempre (ma vale per tutti i settori) prima di blaterare, pontificare, ‘postare’, assumere notizie alla stregua di dogmi, ecc forse varebbe la pena di ‘conoscere’, ‘informarsi’ e, se possibile, abbandonando maree di luoghi comuni, iniziare a pensare e ragionare con la propria testa.

Vero, comporta fatica. Forse è proprio questo il problema.

NDR dell’ultima ora

Mentre stavo scrivendo queste 2 righe leggo, sempre in un gruppo di ADV su FB:

” … soddisfazioni della vita gruppo di persone ha prenotato crociera tramite agenziaweb … 3 persone 2+1 erano ‘rimasti fuori’, sono venuti in agenzia, è una MSC imbarco a Bari sbarco a Venezia … gli altri hanno pagato 1.200 quelli che ho prenoatto io 784 …”

Così, tanto per non rimarcare i soliti luoghi comuni …

Google Hotpot: il divario aumenta

Dopo il flop, ammesso che si possa dire, delle applicazioni 2.0 di Google come Wave, Latitude e altre simili, fa il suo ingresso in rete Hotpot. Non ancora disponibile in Italia (non è una novità al lancio di un nuovo servizio) è in realtà è visibile e fruibile se si effettua la registrazione.

Ho fatto alcuni test inerenti il mercato del turismo. Interessanti i risultati.

Ricerca di hotel nella mia città con keyword “hotels turin”:

Google Hotpot - ricerca hotel

analoga ricerca ma per le agenzie di viaggio con keyword “agency travel  turin”:

Google Hotpot - ricerca agenzie di viaggio

Ecco alcune sostanziali differenze: le immagini nel caso delle ADV sono inesistenti, i risultati della ricerca sono pochi e molto frammentati geograficamente pur avendo esplicitato, come per gli hotel, la città. Infine gli Average: pressochè nulli per le ADV in pratica senza commenti/giudizi.

Si percepisce, ancora una volta, la differenza in rete di queste 2 realtà. Non è una novità. Attenzione questo non significa che gli hotel siano virtuosi in rete. Esserci “di più” non è sinonimo di Valore. E’ comunque quasi imbarazzante la non presenza o i non risultati delle Agenzie.

Infine un’ultima considerazione. Non sappiamo se questo ‘nuovo’ strumento, aggregatore di informazioni, avrà o meno successo. Immagino che Google si attenda altri risultati rispetto alle precedenti applicazioni pocanzi citate. Da valutare come, e se, possa competere in futuro con FB Places.
Diventa sempre più evidente, quasi abissale ormai, il gap fra le possibilità offerte da strumenti innovativi in rete e le reali capacità/volontà di sfruttare i medesimi dalle aziende. In questo caso del turismo. Ma il ragionamento vale per qualunque PMI.

La stragrande maggioranza non ha una presenza in rete che trasmetta valore. Non hanno idea di come farlo. Solo alcuni vorrebbero fare, le idee sono tante spesso molto confuse. Purtroppo coloro che vorrebbero fare, bombardati molto spesso da milioni di idiozie, come minimo si rifugiano nel non fare …

Quindi il rischio concreto, fra qualche mese/anno quando questi strumenti andranno a regime (se andranno), sarà per l’utente visualizzare, per determinati segmenti di mercato, aggregazioni di informazioni pari a zero o poco più. Inoltre un generalista come Google, pur cercando di affinare sempre più gli algoritmi, difficilmente potrà certificare le informazioni fornendo una qualche garanzia. E, ancora una volta, il vero valore di un hotel o di un agenzia (per limitarci all’esempio descritto) si rischierà di non poterlo evincere da una ricerca in rete.

Workshop Agenzie di Viaggio: feedback

Oggi, 10 novembre, ero qui. Ottimo riscontro, non solo numerico. Mi ha colpito non solo la ‘voglia’ di ‘essere informati’ ma il livello di attenzione e partecipazione.

Trovo alquanto buffo (eufemismo) che un pool di professionisti (passatemi il termine) si faccia carico, con le proprie forze, di ‘trasmettere’, ognuno per la propria competenza, concetti, informazioni, novità …

Infine mi ha fatto riflettere, ancora una volta, lo scollamento fra gli addetti ai lavori (in questo caso ADV e medi Tour Operator)  e il ‘mondo’ che, in rete, comunica innovazione. Questo merita un post. Che scriverò a breve. Torino è stata un ulteriore conferma dopo Genova. E se quasi 70 partecipanti ti danno TUTTI la stessa risposta …

Poi, per fortuna, al rientro in ufficio, leggi alcune mail come questa sotto. Ti senti un pò meno inutile.

Luoghi comuni nel turismo (agenzie di viaggio)

Ieri ero a Genova ad un convegno dedicato ad Agenzie di Viaggio e Tour Operator. Interventi molto interessanti. Ottimo il feedback dai presenti. Ho avuto il piacere, perchè invitato, di esprimere il mio pensiero sull’innovazione possibile nella comunicazione in rete (ovviamente per il target ADV e TO). Mi ha colpito in particolare una riflessione emersa nel dibattito. Si parlava della scarsa (termine eufemistico) attitudine degli agenti di viaggio nel profilare i loro clienti. Anzi non propriamente nel profilare un cliente, impresa titanica. Ci si limitava a considera ‘l’operazione’ di reperire la mail del cliente o del prospect. L’affermazione che mi ha colpito è la seguente: ” … parlando con gli agenti questi affermano che non possono chiedere ‘anche’ la mail … non hanno tempo …”.

Lì per lì l’affermazione, fatta da persona al di sopra di ogni sospetto, quindi sicuramente vera, mi ha lasciato perplesso. Poi a freddo con un semplice ragionamento mi sono chiesto “quanto tempo possono perdere nel chiedere una mail e scriverla nel mio sistema di gestione” ?

Ho fatto una simulazione. Ipotizzando che il cliente non la ricorda (quasi impossibile), … la ricerca del biglietto da visita, … lo spelling … che la mail sia molto lunga … ritengo 45 sec circa un tempo più che dignitoso per concludere l’operazione. Considerando che i preventivi (quindi possibili richieste mail) in un giorno quando sono una decina l’agenzia potrebbe stappare champagne risulta quindi: 45 * 10 = 450 sec = 7,5 minuti.

Quindi un agente di viaggio e/o i suoi collaboratori NON trovano nell’arco delle loro 9/10 ore giornaliere 7 (sette) minuti per un timido inizio di ‘relazione’ con un prospect e/o cliente.

Ancora una volta luoghi comuni. Pur di non evolvere, a partire dalle piccole cose, che tanto piccole non sono, ci si rifugia un frasi fatte. 

E altresì vero che anche disponendo della mail di un prospect/cliente questo valore non verrebbe gestito … Quindi forse è giusto evitarsi grane sin dall’origine. Il fastidio poi di dover comunicare per convincere qualcuno a comprare e/o a tornare è davvero enorme.

In fondo 7 minuti al giorno ad esempio di navigazione in Internet, ovviamente con finalità nulla,  è come Mastercard: non ha prezzo …